Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
Il Cnr-Iret misura gli scambi di carbonio

Il bosco di Capodimonte a Napoli produce attività di fotosintesi di continuo, essendo costituito da specie sempreverdi. Questo gli conferisce una certa importanza nel quadro dei contributi alla lotta contro l'inquinamento atmosferico. Non è un caso se proprio al suo interno l'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri  (Iret) del Consiglio nazionale delle ricerche ha impiantato una stazione che misura lo scambio di anidride carbonica tra il bosco e la città di Napoli. L'infrastruttura su area verde urbana - unica nel suo genere - fa parte della rete europea Esfri Icos che ha come obiettivo la Carbon Neutrality. L'attività dell'Istituto, dunque, oltre a essere fondamentale per la quantità di gas monitorati, persegue la via della decarbonizzazione promossa dal Green Deal, per trasformare l'Europa nel primo continente a impatto climatico zero. “In questo modo riusciamo a capire il contributo offerto dagli alberi per mitigare l'assorbimento di carbonio, ma misuriamo anche i flussi di altri inquinanti atmosferici, come il particolato, l'ozono e gli ossidi di azoto”, spiega Carlo Calfapietra, direttore del Cnr-Iret.

Lo storico dei dati rilevati dall'infrastruttura, installata nel 2014, dimostra come in media il bosco assorba 6 kg di carbonio ogni anno per ogni metro quadrato della sua superficie che, se moltiplicati per gli oltre 100 ettari dell'estensione dell'area verde, assumono un significato rilevante nell'ottica della riduzione degli inquinanti atmosferici. “Per ogni metro quadrato di suolo abbiamo tra i 5 e i 10 mq di area fogliare che contribuiscono a questi scambi tra il bosco e l'atmosfera”, sottolinea Calfapietra.

Altri video Ambiente

Quale clima dopo Glasgow
Fabio Trincardi e Carlo Barbante – rispettivamente direttore del Dipartimento terra e ambiente e direttore dell'Istituto di scienze polari – fanno il punto sulle politiche per il clima dopo il recente summit internazionale Cop26. E sottolineano l'importanza di ricostruire le temperature del passato per comprendere i cambiamenti climatici attuali

One Ocean Science: la ricerca non si deve fermare
Nel video, l'Istituto di scienze marine del Cnr spiega l'importanza di studiare gli oceani, per il ruolo che rivestono nella vita sulla Terra e nei cambiamenti climatici, tema al centro anche della conferenza delle Nazioni unite, Cop26

Per un mare sempre più blu
Alla (ri)scoperta consapevole del mare sotto casa. È l'obiettivo del progetto “Blu di Genova”, tra i cui partner figura l'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Cnr. Grazie al progetto, Genova ha l'occasione di sperimentare un nuovo modello partecipativo, punto di incontro tra scienza, sport, educazione ambientale, scoperta del territorio, sostenibilità e volontariato

Chimica sostenibile: una soluzione alle grandi sfide dell’umanità
Lidia Armelao, direttore del Dipartimento di scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Cnr, spiega come la Green Chemistry intende riconvertire le vecchie tecnologie in nuovi processi, ridurre l'inquinamento e sviluppare prodotti che possano ridurre l'impatto sull'ambiente

Nuvole: perché studiarle?
Vincenzo Levizzani, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, spiega perché le nubi forniscono preziose informazioni per lo studio della meteorologia e del clima

Come vivere in Antartide
In questa zona del Pianeta il freddo è un nemico, bisogna quindi prestare la massima attenzione all'abbigliamento e ai sistemi di sicurezza. Alberto Salvati dell'Ufficio Ict del Consiglio nazionale delle ricerche racconta come vivere al meglio al Polo Sud

Un picnic tra le nuvole (in bottiglia)
L'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr partecipa al “Picnic Science”, evento  europeo di promozione della scienza “outdoor” organizzato in Polonia e fruibile online, proponendo esperimenti che spiegano l'influenza dei fenomeni atmosferici sulla meteorologia e sul clima

Gli incendi e l’Artico
“Pillole social” è un progetto divulgativo per  presentare le attività dei ricercatori italiani impegnati nello studio dell'aerosol atmosferico nella regione artica, antartica e nelle stazioni remote d'alta quota. Brevi video, realizzati in collaborazione con l'Istituto di scienze polari del Cnr, illustrano l'importanza dello studio di questa matrice ambientale e spiegano al pubblico perché venga esaminata proprio in queste aree remote

Cacciatori di microplastiche
A Portofino, scienziati e cittadini, a bordo di kayaks, effettuano  la raccolta della plastica in mare con speciali retini. È “Micro Plastic Hunters”, un progetto che coinvolge varie strutture - da Mrevivo  a Lega navale  italiana– ed è coordinato dall'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino  del Cnr