Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
One Ocean Science: la ricerca non si deve fermare

Gli oceani contrastano i cambiamenti climatici, grazie alla capacità di assorbire il 25% di CO2. Il loro studio e monitoraggio è quindi  essenziale per evitarne il degrado, verso il quale si stanno dirigendo. La Cop26, la conferenza delle Nazioni unite sul Cambiamento climatico, pone all'attenzione di tutti l'importanza degli oceani per la vita sulla Terra, evidenziando il nesso tra i mari e il Climate change. Su questi argomenti si focalizza il video realizzato dall'Istituto di scienze marine (Ismar) del Consiglio nazionale delle ricerche di Venezia, per One Ocean Science, evento digitale di sensibilizzazione, promosso dall'Istituto francese di ricerca per l'esplorazione del mare (Ifremer), dall' Istituto nazionale di ricerca francese per lo sviluppo sostenibile (Ird) e dal Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs).

Venezia è un hot-spot e un laboratorio naturale privilegiato per lo studio dei cambiamenti climatici. Qui il Cnr-Ismar raccoglie dati e crea modelli numerici in previsione di scenari futuri estremi, legati all'innalzamento del livello del mare, che preoccupa gli scienziati. In previsione di tale aumento "in un futuro prossimo le misure a difesa della laguna potrebbero non bastare", dice Debora Bellafiore del Cnr-Ismar. Per questo servono "misure e modelli di previsione sempre più affidabili".

"Comprendere il ruolo dell'oceano nel sistema climatico è fondamentale per la mitigazione dei cambiamenti climatici. Ciò richiede lo studio di processi oceanici e della variabilità climatica e lo sviluppo e il mantenimento di sistemi osservativi multi-parametrici", precisa Rosalia Santoleri, direttore del Cnr-Ismar.  "Il Cnr-Ismar è fortemente impegnato in questa sfida globale, concentrandosi principalmente sul Mar Mediterraneo, che attualmente si riscalda a un ritmo del 20% più veloce rispetto al resto del globo. La Cop 6 e l'Ocean Decade offrono un'ottima opportunità  di riconoscere il ruolo dell'oceano nella mitigazione del clima e l'importanza di  incrementare  i finanziamenti  per rafforzare la ricerca marina".

Per maggiori informazioni: https://oneoceanscience.com/

Altri video Ambiente

Quale clima dopo Glasgow
Fabio Trincardi e Carlo Barbante – rispettivamente direttore del Dipartimento terra e ambiente e direttore dell'Istituto di scienze polari – fanno il punto sulle politiche per il clima dopo il recente summit internazionale Cop26. E sottolineano l'importanza di ricostruire le temperature del passato per comprendere i cambiamenti climatici attuali

Per un mare sempre più blu
Alla (ri)scoperta consapevole del mare sotto casa. È l'obiettivo del progetto “Blu di Genova”, tra i cui partner figura l'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Cnr. Grazie al progetto, Genova ha l'occasione di sperimentare un nuovo modello partecipativo, punto di incontro tra scienza, sport, educazione ambientale, scoperta del territorio, sostenibilità e volontariato

Chimica sostenibile: una soluzione alle grandi sfide dell’umanità
Lidia Armelao, direttore del Dipartimento di scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Cnr, spiega come la Green Chemistry intende riconvertire le vecchie tecnologie in nuovi processi, ridurre l'inquinamento e sviluppare prodotti che possano ridurre l'impatto sull'ambiente

Il Cnr-Iret misura gli scambi di carbonio
Quanta anidride carbonica viene assorbita dalle piante? E quanto è importante lo scambio? A queste domande aiuta a rispondere la stazione dell'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del  Cnr, posta nel sempreverde bosco di Capodimonte e con un ruolo cruciale nell'ottica del Piano verde europeo

Nuvole: perché studiarle?
Vincenzo Levizzani, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, spiega perché le nubi forniscono preziose informazioni per lo studio della meteorologia e del clima

Come vivere in Antartide
In questa zona del Pianeta il freddo è un nemico, bisogna quindi prestare la massima attenzione all'abbigliamento e ai sistemi di sicurezza. Alberto Salvati dell'Ufficio Ict del Consiglio nazionale delle ricerche racconta come vivere al meglio al Polo Sud

Un picnic tra le nuvole (in bottiglia)
L'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr partecipa al “Picnic Science”, evento  europeo di promozione della scienza “outdoor” organizzato in Polonia e fruibile online, proponendo esperimenti che spiegano l'influenza dei fenomeni atmosferici sulla meteorologia e sul clima

Gli incendi e l’Artico
“Pillole social” è un progetto divulgativo per  presentare le attività dei ricercatori italiani impegnati nello studio dell'aerosol atmosferico nella regione artica, antartica e nelle stazioni remote d'alta quota. Brevi video, realizzati in collaborazione con l'Istituto di scienze polari del Cnr, illustrano l'importanza dello studio di questa matrice ambientale e spiegano al pubblico perché venga esaminata proprio in queste aree remote

Cacciatori di microplastiche
A Portofino, scienziati e cittadini, a bordo di kayaks, effettuano  la raccolta della plastica in mare con speciali retini. È “Micro Plastic Hunters”, un progetto che coinvolge varie strutture - da Mrevivo  a Lega navale  italiana– ed è coordinato dall'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino  del Cnr