Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 13 gen 2016
ISSN 2037-4801

Libreria a cura di Paolo Capasso

L'immobile burocrazia

L'immobile burocrazia

I numeri che affollano 'Dinosauri. Nessuna riforma ci libererà dai superburocrati di Stato’ di Corrado Giustiniani hanno l’indubbio effetto di provocare smarrimento e rassegnazione. Il lettore è posto davanti ad una semplice domanda: nemmeno una crisi economica così profonda è riuscita a far estinguere i Dinosauri? La risposta, secca e poco indulgente è no.

Il saggio ricostruisce il modo in cui sono cresciute nel tempo cariche e retribuzioni di un gruppo di 70.000 dirigenti di ministeri, Authority, Agenzie ma anche parastato, istituti previdenziali, magistratura, diplomazia. Burocrati tra i più pagati benchè il barometro della soddisfazione tra i cittadini italiani segnali lo scarso esito del tentativo di rendere più efficiente la macchina della pubblica amministrazione. Un esempio? I piani di performance e il premio di risultato, che dovrebbe essere riconosciuto in base al merito, alla conta dei fatti, si trasforma in un bonus per tutti. Tutti bravi nel loro lavoro, quindi? Dovremmo giudicarlo noi e a consultare i tempi d’attesa per le prestazioni ordinarie, non sembrerebbe così. Una burocrazia elefantiaca che parla e scrive in burocratese, come attesta l'opacità delle leggi italiane. Giustiniani, al riguardo, ha una soluzione: il mediatore linguistico. Sabino Cassese già nel 1993 ci aveva provato, con il suo Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubbliche. Poi Alfredo Fioritto, nel 1997, con il Manuale di stile.

Giustiniani sciorina un lungo elenco di leggi, nomi e numeri, pieno di soprese. Un viaggio avanti e indietro nel tempo, una analisi sulle inefficienze e sui paradossi made in Italy, ripresi in modo grottesco perfino dalla stampa internazionale. E sullo sfondo, i molti tentativi di cambiare un’Italia refrattaria. L’ultimo in ordine di tempo, la Riforma Madia, la quinta dal 1993, dopo “quelle di Cassese, Bassanini, Frattini e Brunetta”.

Un ritratto sferzante, capitolo dopo capitolo, che racconta di una pubblica amministrazione macrocefala, in cui il compenso pesa di più del prestigio, e in cui manca la cultura della formazione continua.

Monica Di Fiore

titolo: Dinosauri. Nessuna riforma ci libererà dai superburocrati di Stato
categoria: Saggi
autore/i: Giustiniani Corrado
editore: Sperling&Kupfer
pagine: 204
prezzo: € 17.00