Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 15 feb 2012
ISSN 2037-4801

Video

Ambiente

Artico: un osservatorio marino made in Italy

L'acqua e gli oceani sono un elemento chiave per lo studio del clima del nostro pianeta. Esplorare i processi di raffreddamento delle acque polari a contatto con i ghiacciai marini e comprendere le cause del rapido arretramento dei fronti glaciali, in particolare, sono per la ricerca obiettivi prioritari.

Dal 2010, nell'ambito delle attività lanciate dall'Organizzazione mondiale della meteorologia per l'anno internazionale dei Poli, l'Italia fornisce il suo contributo con il monitoraggio marino della zona occidentale delle isole Svalbard, distante circa 1.500 km dal Polo Nord e punto strategico per lo studio dei processi oceanografici.

Nell'ambito di questo programma, grazie al supporto della Base artica 'Dirigibile Italia', gestita dal Dipartimento terra ambiente (Dta) del Cnr, i ricercatori dell'Istituto di scienze marine (Ismar) del Cnr di Bologna e La Spezia hanno progettato e messo in opera il primo osservatorio marino permanente italiano in Artico, per comprendere la variabilità presente e passata dell'oceano e del clima e l'impatto che tale dinamica genera sugli ecosistemi marini.

Posizionato nell'area costiera del Kongsfiord, a 79 gradi nord di latitudine, il sistema di osservazione è composto da 2 mooring oceanografici, ossia due postazioni sottomarine, una in acque basse e l'altra a oltre 1.200 m di profondità, equipaggiate con correntometri, registratori di temperatura e salinità e trappole per sedimenti.

"Ancorati al fondo da una serie di boe, le due postazioni acquisiscono dati tutto l'anno, anche durante l'inverno, quando una nave oceanografica non riuscirebbe a operare a causa del mare ghiacciato", spiega il responsabile del progetto Stefano Aliani dell'Ismar-Cnr. "Gli strumenti, alimentati da sofisticati sistemi di batterie, registrano i dati su una memoria interna, fornendo lunghe serie temporali di velocità e direzione di correnti, temperatura, salinità e torbidità delle masse d'acqua. Apposite trappole permettono il campionamento della 'neve marina', cioè la continua pioggia di detrito, soprattutto organico, che cade dagli strati superiori della colonna d'acqua.

Le ultime campagne oceanografiche organizzate dal team Ismar-Cnr mostrano all'interno del fiordo l'intrusione di acque calde provenienti da sud e il loro raffreddamento a seguito del contatto con i ghiacciai marini. "La temperatura dell'acqua passa infatti dai circa 5 gradi all'ingresso del Kongsfiord a 1 grado centigrado a contatto con i ghiacciai", sostiene Aliani. "Questa variazione di temperatura, per quanto localizzata in un piccolo fiordo, è importante nel controllare i meccanismi di circolazione delle correnti oceaniche, che, come una sorta di nastro trasportatore, spostano enormi quantità di calore dalle zone equatoriali verso i poli".

Nel sistema di osservazione permanente a disposizione di tutta la comunità scientifica internazionale sono ora in corso studi paleoclimatici sui sedimenti marini che potranno fornire una maggiore comprensione del clima degli ultimi 30.000 anni.

Anna Capasso

Fonte: Stefano Aliani, Istituto di scienze marine, Pozzuolo di Lerici, tel. 0187/978311, email stefano.aliani@ismar.cnr.it

Ultimi video

La piattaforma Outreach Cnr
Questa struttura ha lo scopo di mettere a disposizione sul web la multidisciplinarietà di risorse e strumenti usufruibili a distanza, per rispondere a 360 gradi al bisogno di conoscenza della società
Informatica

Del ghiacciaio della Marmolada non resterà più traccia
A suggerirlo è uno studio, al quale ha partecipato anche il Cnr-Ismar, che ha confrontato i dati di due rilievi geofisici effettuati sul ghiacciaio nel 2004 e nel 2015 e dal quale emerge come quella che prima era massa glaciale unica mostri ora in molti punti le masse rocciose sottostanti
Ambiente

Europa unita e ricerca, una storia comune celebrata a Roma
Presso la sede centrale del Cnr, si sono celebrati i 60 anni dei Trattati di Roma e i 10 anni dell'European Research Council. Tra i relatori della giornata, i presidenti dell'ente Massimo Inguscio, del Parlamento europeo Antonio Tajani, dell'European Research Council Jean Pierre Bourguignon e il ministro Valeria Fedeli
Socio-economico

'Scienziati e studenti’: la premiazione a Genova
Le tre classi vincitrici del concorso video abbinato alla manifestazione hanno partecipato con i loro video al Festival della scienza. Oltre a loro, sul palco della kermesse ligure, film-maker di professione, che hanno parlato dell'efficacia dell'uso delle immagini nella divulgazione scientifica
Cultura

Mai - design e architettura per l'edilizia sostenibile
Una casa in legno? E' proprio il caso di dire Mai
Tecnologia

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente